HomeRifiuti SanitariModello di Calcolosterilizzazione off-site

Caso 3: Sterilizzazione off-site

L'analisi combinata dei "casi limite" 1 e 2 non sembra dare spazio a un ipotesi strategica che preveda la sterilizzazione collocata al di fuori di una struttura sanitaria.

Analizzando però alcuni casi reali e prendendo atto dei possibili elementi che hanno sinora limitato la sterilizzazione on-site lo scenario cambia.

Se si prende ad esempio la realtà della regione Piemonte si verifica che le circa 10.000 t/y di rifiuti sanitari a rischio infettivo prodotte, a causa della mancata disponibilità di impianti, vengono trasportate per non meno di 400 km prima del loro smaltimento finale.

Il Piemonte risponde al seguente schema che prevede micro-raccolta, deposito preliminare, trasporto e incenerimento.

strategia inc
Il prossimo avvio del termovalorizzatore di Torino che può potenzialmente ritirare anche i rifiuti sterilizzati (classificati come CDR) apre la strada all'ipotesi di una strategia che veda la sostituzione del deposito preliminare con impianti di sterilizzazione off-site.

Con quali margini? ... il modello di calcolo, confrontando il trasporto di 10.000 t/y per 400 km oppure il trasporto del rifiuto sterilizzato per 50 km, entrambi con autocarri da 90 m3, evidenzia:

 

Impatti trasporto RSP-I per 400 km trasporto CDR per 50 km
economico (€) 986.959,25  35.882,97
energetico (MJ)  6.438.478,00  234.084,33
t di CO2  1.047.889,08  8.606,40
kg di NOx  8.060.685,20  70.126,24
kg di particolato  264.851,08  1.944,41

Oltre a un considerevole vantaggio in termini ambientali la sola riduzione dei costi di trasporto consentirebbe un margine di circa 95 €/t per il processo di sterilizzazione. Tale margine potrebbe potenzialmente aumentare in funzione di una filiera che consenta lo smaltimento del CDR a costi inferiori di quelli attualmente applicati per l'incenerimento di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo.

La presente simulazione, ottenuta mediante il modello di calcolo sviluppato, consente di individuare i margini operativi di un impianto di sterilizzazione off-site destinato a trattare i rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo prodotti in Piemonte. Solo mediante un attenta analisi degli impatti specifici di tale filiera è possibile determinarne l'effettiva competitività e un eventuale vantaggio economico, energetico e ambientale.

Vai all'inizio della pagina