non pericolosi

Imballaggi in carta, cartone, plastica, vetro, ... legno, metalli, materiali da demolizione, arredi, apparecchiature elettriche ed elettroniche, ...

Ovvero tutti quei rifiuti prodotti all'interno delle strutture sanitarie e classificati come non pericolosi dal D.Lgs. 152/2006.

Spesso tali rifiuti posso essere "assimilati" ai rifiuti urbani e conferiti con i medesimi. Tale evenienza deve però essere verificata nel caso specifico in quanto l'assimilazione è regolamentata a livello comunale.

Qualora i rifiuti sanitari non pericolosi non siano e non possano essere assimilati devono essere conferiti ad aziende autorizzate al loro ritiro.

E' importante infine sottolineare che i rifiuti prodotti dalle aziende che effettuano attività e/o servizi presso la struttura sanitaria in qualità di appaltatori devono essere considerati come prodotti dall'azienda stessa e non dalla struttura sanitaria.

Vai all'inizio della pagina